Posted On 29 ottobre 2018 By In COMUNICATI With 19 Views

La Corte Costituzionale rinvia la sentenza sul caso dj Fabo e lascia al Parlamento tempo per legiferare. Auspichiamo la materia sia regolata in modo da consentire l’esercizio del diritto alla disponibilità della propria vita.

COMUNICATO STAMPA – Come è noto Marco Cappato è stato processato per aver aiutato il dj Fabo a porre fine alla sua vita in una clinica Svizzera,

Gli è stato imputato la violazione dell’art.580 del codice penale che punisce con la reclusione da cinque a dodici anni sia chi istiga una persona al suicidio sia chi si limita ad aiutarla a porre fine alla sua vita.

Il tribunale dopo molte udienze aveva deciso di rimettere gli atti alla Consulta perché si esprimesse sulla legittimità costituzionale di una norma che prevedeva la stessa pena per due fattispecie diverse.

L’accoglimento della tesi della incostituzionalità avrebbe creato un vuoto normativo che certamente non avrebbe giovato alla certezza del diritto in una materia delicata per le implicazioni sulle persone e sul personale sanitario che le assiste.

Opportunamente la Corte Costituzionale ha deciso di non decidere rinviando la sentenza a settembre del 2019. Il Parlamento ha pertanto tutto il tempo per legiferare, tenuto anche conto che da ben 5 anni una legge di iniziativa popolare non viene posta in discussione.

L’Associazione Libera Uscita Onlus fin dalla sua fondazione, nel lontano 2001, si batte per il pieno rispetto della volontà e dignità della persona nelle scelte di fine vita, ed ha contribuito in modo determinante all’approvazione della legge  219/2017 che permette di evitare l’accanimento terapeutico.

Auspica pertanto che il legislatore regoli la materia, in modo da consentire l’esercizio del diritto alla disponibilità della propria vita, facendosi assistere, anche in questi momenti, nei casi di sofferenze giudicate dal soggetto insopportabili, dal personale sanitario. La consapevolezza di poter morire, nel caso che il dolore diventasse insopportabile, può essere un efficacie deterrente al suicidio, e può consentire di affrontare le sofferenze in modo più adeguato

p. l’Associazione Libera-Uscita Onlus

Dr. Luciano Visco – membro del Direttivo Nazionale

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *