Posted On 19 maggio 2017 By In EVENTI With 189 Views

Audizione di Libera-Uscita presso la IV Commissione “Politiche per la Salute e Politiche Sociali” della Regione Emilia Romagna

Il 15 Maggio 2017 alle ore 10:00 la IV Commissione “Politiche per la Salute e Politiche Sociali” della Regione Emilia Romagna ha dato corso alla prevista audizione dei  promotori della Petizione Popolare  depositata in Regione il 21 Ottobre 2015 che, corredata di quasi 4000 Firme,  chiedeva alla Regione di provvedere all’inserimento delle DAT, depositate nei Registri Comunali o presso gli studi notarili, sulla Tessera Sanitaria e/o sul FSE (fascicolo sanitario elettronico).

 

All’ audizione, in rappresentanza del  Comitato Articolo 32 per la Libertà di cura, promotore della Petizione, ( Anpi, Arci, Auser,Cgil, Federconsumatori,Libera-Uscita Onlus,Uaar,Università per la Libera Età Natalia Ginzburg) erano presenti la Presidente dell’ Associazione  Libera-Uscita Onlus, prof.ssa Maria Laura Cattinari ed il Segretario Dr. Léon Bertrand. Presente, per riferire sui lavori parlamentari sul ddl “Norme sul consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento” l’On. Donata Lenzi Referente del ddl a Montecitorio.

 

Ha dato inizio ai lavori il Presidente della Commissione Paolo Zoffoli, presenti i vice-presidenti e numerosi Consiglieri regionali componenti la Commissione stessa. Il Presidente Zoffoli, nella sua breve introduzione,  ha ricordato che la Petizione Popolare, accolta  dall’Assemblea legislativa con deliberazione n. 6 del 19 gennaio 2016, era stata successivamente esaminata dalla Commissione assembleare “Politiche per la salute e politiche sociali” nella seduta del 10  luglio 2016.

 

E’ seguita l’esposizione da parte dell’On Donata Lenzi del ddl attualmente all’esame della Commissione Sanità del Senato dove sono in corso le previste audizioni. In particolare l’onorevole ha ricordato come il ddl preveda   il riconoscimento del valore dei Testamenti Biologici già depositati presso i Registri Comunali e gli studi notarili, la necessità di andare ad un regolamento comune dei Registri e l’opportunità che sulla Tessera Sanitaria (Carta regionale dei servizi) e/o sui FSE (fascicoli sanitari elettronici) sia presente il riferimento all’avvenuto deposito delle DAT.

E’ stata quindi data la parola alla Presidente di Libera-Uscita che dopo aver ringraziato la Commissione per l’Audizione e l’On Lenzi per il lavoro svolto, ha ribadito la necessità di operare per il pieno riconoscimento dell’autodeterminazione terapeutica anche nel fine vita perché sia possibile  morire meglio e con dignità. Ha ricordato le 3000 persone in stato vegetativo, le 17.000 in coma e la domanda ineludibile che accompagna questi numeri: “Quanti avrebbero voluto sopravvivere in quelle condizioni?” Ha ricordato i 250.000 ammalati terminali che ci sono ogni anno in Italia e l’urgenza di vedere migliorate le condizioni in cui, drammaticamente, per lo più si muore. Ha poi sottolineato la necessità che sulla Tessera Sanitaria oltre all’avvenuto deposito delle DAT sia registrato il nome del Fiduciario, se nominato, ed i suoi recapiti.

 

Alle due introduzioni sono seguiti numerosi Interventi dei Consiglieri presenti che hanno espresso il loro ringraziamento sia all’Onorevole sia alla Presidente di Libera-Uscita in rappresentanza della società civile. Non sono mancate sottolineature dei limiti presenti nel ddl in discussione in Parlamento ma concorde è risultata l’opinione che se approvato rappresenterà un sensibile passo avanti. Tutti gli intervenuti si sono espressi favorevolmente nel merito della richiesta sollevata dalla Petizione.

 

Al termine dell’Audizione,  il  Presidente Zoffoli, dopo aver dato  la parola all’On. Lenzi e alla Presidente Cattinari per le repliche, ha preso atto del positivo svolgimento dei lavori della Commissione ed ha impegnato la stessa ad operare affinché giunga al più presto al Parlamento il sollecito invito della Regione Emilia Romagna a concludere positivamente l’iter del ddl “Norme in materia di consenso informato e disposizioni anticipate di trattamento”.

 

 

(DAT: dichiarazioni anticipate di trattamento, dette anche Testamento biologico;  ddl: disegno di legge)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *