ARTICOLI Category

16 Aprile –  E’ arrivata al termine la vicenda giudiziaria che vede coinvolto Albert Heringa per il suicidio assistito di sua madre Moek Heringa. La Corte Suprema Olandese ha ritenuto valide le ragioni della Corte d’Appello, che nel 2018 aveva dichiarato Albert punibile per aver praticato il suicidio assistito sulla madre. La Corte Suprema potrebbe aver seguito le stesse motivazioni della Corte d’Appello, secondo cui Albert non può affidarsi a motivi di “forza maggiore” per giustificare il suo atto. La Corte Suprema ha evidenziato che Heringa aveva alternative, tra leRead More
Eutanasia, dialogo a distanza con il presidente della Fnomceo Gentile direttore, nell’intervista al quotidiano La Verità del 17 aprile 2019 (“I dottori salvano vite. All’eutanasia preferiamo Ippocrate”), il Presidente Filippo Anelli ribadisce la generale e ferma contrarietà della Fnomceo all’ipotesi di un’eventuale legge tesa a regolare il suicidio assistito o l’eutanasia, ma esclude anche il “muro contro muro”, e dichiara grande apertura alla discussione: “non abbiamo alcuna pregiudiziale a discutere. Massima disponibilità al dialogo. Se ci convinceranno della bontà delle tesi altrui ne prenderemo atto”. Colgo al volo questa disponibilitàRead More
(di Maria Laura Cattinari – Presidente Associazione Libera-Uscita Onlus) La Legge 219/2017 è entrata in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il 31 gennaio 2018, ma certo c’è ancora molto da lavorare per far conoscere e funzionare questa buona legge ed anche, certamente, per difenderla dai non pochi tentativi di modificarla in senso restrittivo. Prima di entrare nel merito delle “Disposizioni Anticipate di Trattamento”, due parole sull’art.1 che regola il Consenso informato. Vi si afferma il diritto di rifiutare qualunque terapia o di esigerne l’eventuale interruzione se già avviata, il diritto di sapereRead More
La prima, l’abbiamo già da anni, è la legge 38 del 2010 sulle “Cure palliative e la terapia del dolore”. Cure palliative che hanno come fine quello di assicurare alla persona, affetta da patologia inguaribile, la miglior qualità di vita possibile  e che prevedono, se c’è il consenso della persona, la sedazione continua profonda quando i sintomi sono refrattari ad altri interventi.  Purtroppo questa buona legge, che inserisce nei LEA (livelli essenziali d’assistenza) le cure palliative domiciliari h24,  è, ancor oggi, applicata solo a macchia di leopardo. Molto resta ancoraRead More

Posted On Novembre 2, 2017By RedazioneIn ARTICOLI

LA MORTE PER DEFINIZIONE

(di Graziella Sturaro)  Alcuni giorni fa si è tenuto a Torino, presso l’Aula Magna del Campus Luigi Einaudi dell’Università degli Studi, un Convegno formativo dal titolo “Definire la morte. Storia, attualità, prospettive” organizzato dalla Consulta di Bioetica in concomitanza con l’ASL allo scopo di fare il punto della situazione e proporre un aggiornamento approfondito sull’argomento secondo parametri medici, filosofici e normativi oltre che di promuovere l’idea di una concezione universale valida per tutti. Infatti, a tale proposito si tratta del primo dibattito in Italia sull’argomento a livello culturale. Ovviamente sonoRead More
Lettera dell’On DONATA LENZI* Al Direttore di AVVENIRE Pubblicata da Avvenire il 23 Marzo 2017 a pag. 3   Gentile direttore, in questi mesi “Avvenire” ha seguito con particolare attenzione i lavori in Commissione Affari sociali sulle norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari. Vorrei sottolineare alcuni aspetti a mio giudizio rilevanti e poco presenti nel confronto. Oggetto della legge, in primo luogo, è il consenso libero e informato alle terapie proposte dal medico espresso dalla persona maggiorenne e capace di intendereRead More
(di Filippo D’Ambrogi) Oggi che il Fine Vita è un tema di grande attualità nel nostro Paese fino a divenire oggetto di dibattito parlamentare mi pare giusto e doveroso ricordare, a vent’anni dalla sua scomparsa, un coraggioso antesignano, un medico fiorentino di nome Giorgio Conciani che, nel corso degli anni ’90 del secolo scorso ha condotto una battaglia laica, isolata e solitaria in favore del diritto di scegliere la propria morte, pagandone il dazio con la radiazione dall’albo dei medici e con l’oblio dopo il suicidio avvenuto nel 1997. ChiRead More

Posted On Febbraio 21, 2017By RedazioneIn ARTICOLI

Il testamento biologico su #cartabianca

Riflessioni critiche di Maria Laura Cattinari, presidente di Libera-Uscita O.N.L.U.S., sulla puntata del programma di Bianca Berlinguer dedicata al “fine vita” Tratto da: LucidaMente, anno XII, n. 134, febbraio 2017; editing e formattazione del testo a cura di Gabriele Bonfiglioli Certo, ringraziamo Bianca Berlinguer per aver voluto affrontare il tema del “fine vita”. Lo ha fatto nella trasmissione #cartabianca, della quale è ideatrice e conduttrice; esattamente, nella puntata andata in onda venerdì 10 febbraio 2017 su Rai 3, mentre il Parlamento sta discutendo sul testamento biologico. Tuttavia, come ha detto bene Enzo Bianchi in collegamento daRead More
(di Mario Aldovini) Dopo cinque anni di vita sempre più pesantemente condizionata dalla SLA, è morto nei giorni scorsi Walter Piludu, allungando la lista di coloro che sono costretti ad aggiungere, alle sofferenze inevitabili della malattia, il tormento della lotta per non essere espropriati della titolarità stessa della loro vita. Politico di rigorosa coerenza, negli anni della malattia si era speso per portare in evidenza il tema dell’eutanasia. Da tempo la scienza medica (con i mezzi potentissimi messi a punto dalla chimica e dalle tecnologie più evolute) ha sviluppato laRead More
(di Léon Bertrand) Alla  notizia dell’eutanasia in Belgio di un minorenne secondo i criteri della legge del 2014, si sono manifestate le reazioni più o meno scomposte del campo così detto “pro-vita”. Quando la querelle ideologica esce dai binari del confronto filosofico, essa genera delle reazioni umorali, per non dire viscerali. In questi giorni, la più umorale è stata quella di Ennio Fortuna sul Gazzettino di Padova del 21 settembre. Se la prende un po’ con tutti, con lo Stato belga dove, scrive, “ è in vigore da due anniRead More