ARTICOLI Category

Posted On Giugno 28, 2019By RedazioneIn ARTICOLI, COMUNICATI, Home Page, NOTIZIE

Autodeterminazione Vigilata?

A qualche settimana dalla dolorosa scomparsa della giovane olandese Noa Pothoven, inizialmente presentata come un caso di eutanasia e solo in seguito correttamente descritta come un lento suicidio accompagnato dalle cure palliative, l’attenzione sembra focalizzarsi sulla “nozione di autodeterminazione” e sull’”accertamento della sua realtà concreta”. In particolare Gustavo Zagrebelsky, nell’articolo “La morte assistita e la scelta italiana”, comparso su “La Stampa” il 6 giugno, ha espresso la preoccupazione che la richiesta di anticipare la conclusione della propria esistenza possa non essere frutto di una libera determinazione, e che occorra quindiRead More
Di seguito pubblichiamo le riflessioni dello psicoanalista Mario Aldovini.  Quanto segue descrive come il caso di Noa sia scivolato sul piano inclinato della mala-informazione, viziata dalla precipitosa volontà di portare una tragedia privata e complessa all’interno degli schemi del dibattito pubblico, che sembra non essere capace di esistere separato dal sensazionalismo e dalla semplificazione, che fanno presa sui meccanismi basilari dell’emotività umana e forzano la realtà. “RIFLESSIONI IN MARGINE AL CASO DI NOA POTHOVEN Mi capitò, anni fa, di cercare un indirizzo in un quartiere periferico di una città cheRead More
L’incontro “Eluana 10 anni dopo – riflessioni sulla Legge 219/2017”, che si è tenuto a Borgo Val di Taro (Parma) sabato 18 maggio e che ha visto la partecipazione di Libera Uscita nella persona della Presidente Maria Laura Cattinari, ha visto una grande ed interessata partecipazione di pubblico. Ritratti nella foto, da sinistra a destra, la Presidente di “No al Dolore” Adelina Facci Tosatti, l’On. Donata Lenzi (Socia Onoraria di Libera-Uscita), Beppino Englaro (Socio Onorario di Libera-Uscita) ed il Prof. Maurizio Mori presidente della Consulta di Bioetica e membro delRead More
Libera Uscita esprime il suo pieno appoggio alla Rete multiprofessionale del FVG impegnata dal 2006 nella lotta alla contenzione! La nostra Associazione sostiene che la contenzione non debba mai essere usata, perché degradante, sia per chi la subisce che per chi la attua, e non può essere normata. Ciò che auspichiamo è che le persone malate siano seguite con le cure adeguate, al fine di prevenire il bisogno del ricorso alla contenzione. Come Cicely Sanders affermava che occorresse prevenire l’insorgenza del dolore con dosi di antidolorifici  programmate opportunamente, così siRead More
16 Aprile –  E’ arrivata al termine la vicenda giudiziaria che vede coinvolto Albert Heringa per il suicidio assistito di sua madre Moek Heringa. La Corte Suprema Olandese ha ritenuto valide le ragioni della Corte d’Appello, che nel 2018 aveva dichiarato Albert punibile per aver praticato il suicidio assistito sulla madre. La Corte Suprema potrebbe aver seguito le stesse motivazioni della Corte d’Appello, secondo cui Albert non può affidarsi a motivi di “forza maggiore” per giustificare il suo atto. La Corte Suprema ha evidenziato che Heringa aveva alternative, tra leRead More
Eutanasia, dialogo a distanza con il presidente della Fnomceo Gentile direttore, nell’intervista al quotidiano La Verità del 17 aprile 2019 (“I dottori salvano vite. All’eutanasia preferiamo Ippocrate”), il Presidente Filippo Anelli ribadisce la generale e ferma contrarietà della Fnomceo all’ipotesi di un’eventuale legge tesa a regolare il suicidio assistito o l’eutanasia, ma esclude anche il “muro contro muro”, e dichiara grande apertura alla discussione: “non abbiamo alcuna pregiudiziale a discutere. Massima disponibilità al dialogo. Se ci convinceranno della bontà delle tesi altrui ne prenderemo atto”. Colgo al volo questa disponibilitàRead More
(di Maria Laura Cattinari – Presidente Associazione Libera-Uscita Onlus) La Legge 219/2017 è entrata in vigore, dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, il 31 gennaio 2018, ma certo c’è ancora molto da lavorare per far conoscere e funzionare questa buona legge ed anche, certamente, per difenderla dai non pochi tentativi di modificarla in senso restrittivo. Prima di entrare nel merito delle “Disposizioni Anticipate di Trattamento”, due parole sull’art.1 che regola il Consenso informato. Vi si afferma il diritto di rifiutare qualunque terapia o di esigerne l’eventuale interruzione se già avviata, il diritto di sapereRead More
La prima, l’abbiamo già da anni, è la legge 38 del 2010 sulle “Cure palliative e la terapia del dolore”. Cure palliative che hanno come fine quello di assicurare alla persona, affetta da patologia inguaribile, la miglior qualità di vita possibile  e che prevedono, se c’è il consenso della persona, la sedazione continua profonda quando i sintomi sono refrattari ad altri interventi.  Purtroppo questa buona legge, che inserisce nei LEA (livelli essenziali d’assistenza) le cure palliative domiciliari h24,  è, ancor oggi, applicata solo a macchia di leopardo. Molto resta ancoraRead More

Posted On Novembre 2, 2017By RedazioneIn ARTICOLI

LA MORTE PER DEFINIZIONE

(di Graziella Sturaro)  Alcuni giorni fa si è tenuto a Torino, presso l’Aula Magna del Campus Luigi Einaudi dell’Università degli Studi, un Convegno formativo dal titolo “Definire la morte. Storia, attualità, prospettive” organizzato dalla Consulta di Bioetica in concomitanza con l’ASL allo scopo di fare il punto della situazione e proporre un aggiornamento approfondito sull’argomento secondo parametri medici, filosofici e normativi oltre che di promuovere l’idea di una concezione universale valida per tutti. Infatti, a tale proposito si tratta del primo dibattito in Italia sull’argomento a livello culturale. Ovviamente sonoRead More
Lettera dell’On DONATA LENZI* Al Direttore di AVVENIRE Pubblicata da Avvenire il 23 Marzo 2017 a pag. 3   Gentile direttore, in questi mesi “Avvenire” ha seguito con particolare attenzione i lavori in Commissione Affari sociali sulle norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari. Vorrei sottolineare alcuni aspetti a mio giudizio rilevanti e poco presenti nel confronto. Oggetto della legge, in primo luogo, è il consenso libero e informato alle terapie proposte dal medico espresso dalla persona maggiorenne e capace di intendereRead More