COMUNICATI Category

Posted On Gennaio 22, 2020By RedazioneIn ARTICOLI, COMUNICATI, Home Page, NOTIZIE

Sedazione ed Eutanasia

La decisione di Giovanni Custodero, il giovane ‘guerriero sorridente’, di rendere pubblica la sua dolorosa scelta di ricorrere alla ‘Sedazione Palliativa Profonda Continua’ (SPPC) rappresenta un decisivo contribuito alla conoscenza di una scelta di fine vita, adottabile in determinate condizioni, quando matura il proposito – per usare le sue parole – “di non continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che la sorte ha in serbo per me” Si tratta di una pratica ancora poco conosciuta, frutto di una graduale evoluzione dell’etica palliativista che, seRead More

Posted On Gennaio 13, 2020By RedazioneIn COMUNICATI, Home Page

Comunicato stampa – Giovanni Custodero

C O M U N I C A T O S T A M P A Apprendendo della morte di Giovanni Custodero, avvenuta a sei giorni di distanza dalla sua scelta di ricorrere alla sedazione palliativa profonda continua, l’Associazione Libera Uscita esprime commossa gratitudine al giovane “guerriero sorridente” per aver reso pubblica la sua dolorosa decisione. Giovanni sarà ricordato non solo per aver affrontato e combattuto fieramente la malattia, ma anche per il suo decisivo contribuito alla conoscenza di una scelta di fine vita, la sedazione palliativa profonda continua, adottabileRead More
C O M U N I C A T O      S T A M P A L’assoluzione di Marco Cappato è oggi salutata come un fatto quasi scontato in un Paese la cui la domanda di libertà nel fine-vita è stata alimentata e sostenuta, nel corso degli anni, da diversi soggetti e Associazioni laiche di cui Libera Uscita è fiera di rappresentare parte attiva. Ma l’aspetto determinante dell’assoluzione di Marco Cappato sta nel fatto di essere conseguenza diretta di una sentenza della Corte Costituzionale, strategicamente perseguita con lucidità e coraggio,Read More
L’esigenza di garantire la legalità costituzionale deve prevalere su quella di lasciare spazio alla discrezionalità del legislatore. E se la dichiarazione di incostituzionalità rischia di creare vuoti di disciplina che mettono in pericolo diritti fondamentali, la Corte costituzionale deve preoccuparsi di evitarli, ricavando dal sistema vigente i criteri di riempimento, in attesa dell’intervento del Parlamento. È quanto si legge nella sentenza n. 242 depositata oggi (relatore Franco Modugno) con cui la Corte costituzionale – decorso inutilmente il termine di circa un anno dato al Parlamento, con l’ordinanza n. 207/2018 perRead More
Difficoltà ad avere le informazioni, resistenze da parte di molti medici, imprecisioni o notizie infondate che circolano: l’attuazione della legge sul testamento biologico sta incontrando non poche difficoltà. Ne parliamo con Maria Laura Cattinari, presidente nazionale dell’Associazione Libera Uscita. La legge sul testamento biologico è stata approvata ormai due anni fa (legge 219 del 2017) ed è entrata in vigore il 31 gennaio 2018. È una legge semplice, di soli otto articoli, fatta per esser compresa da tutti e finalizzata a riconoscere e regolare l’autodeterminazione terapeutica. Eppure ci sono ancoraRead More
Graziella Possega e Leonello Lombardi suicidi nell’ albergo di Carpi perché vecchi e gravemente ammalati, tumore lui e SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) lei…. oggi, avrebbero potuto essere ancora vivi, parte della nostra comunità. La stampa, i loro conoscenti, hanno parlato di tragedia e tragedia è infatti che si debba essere costretti a morire nella clandestinità, senza nessun aiuto, senza la vicinanza degli affetti, in una camera d’albergo, forse  per tema che in casa propria i cadaveri sarebbero stati ritrovati dopo giorni, già in decomposizione, come si sa, accade. Tragedia èRead More
Pubblichiamo, dal sito della Corte Costituzionale, il comunicato del 25 Settembre 2019 relativo al Suicidio Assistito: IN ATTESA DEL PARLAMENTO LA CONSULTA SI PRONUNCIA SUL FINE VITA La Corte costituzionale si è riunita in camera di consiglio per esaminare le questioni sollevate dalla Corte d’assise di Milano sull’articolo 580 del Codice penale riguardanti la punibilità dell’aiuto al suicidio di chi sia già determinato a togliersi la vita. In attesa del deposito della sentenza, l’Ufficio stampa fa sapere che la Corte ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codiceRead More
IN ATTESA DEL PARLAMENTO LA CONSULTA SI PRONUNCIA SUL FINE VITA: la Corte ha ritenuto non punibile ai sensi dell’articolo 580 del codice penale, a determinate condizioni, chi agevola l’esecuzione del proposito di suicidio, autonomamente e liberamente formatosi, di un paziente tenuto in vita da trattamenti di sostegno vitale e affetto da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che egli reputa intollerabili ma pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli. Come si muore oggi in Italia? Le morti improvvise, quelle che ci colgono, giovani od anzianiRead More
Leggo  su Repubblica del 31 luglio 2019 un articolo di Michela Marzano al titolo “Diritto alla dignità della vita” a commento della recente pronuncia del Comitato di Bioetica sulla legalizzazione del suicidio assistito. Con mio grande stupore, l’autrice afferma testualmente: “Un conto è il suicidio assistito ossia aiutare una persona a morire fornendole farmaci ed assistenza…;. altro conto è l’eutanasia, ossia provocare deliberatamente la morte, e quindi far morire”.  Ma poi prosegue: “Un conto è prendersi cura di un paziente rispettandone  l’intrinseca dignità; altro conto è cancellarne l’autonomia e spazzarneRead More
COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO – In questi giorni il dibattito sul fine-vita sta ricevendo rinnovata attenzione, perché il Parlamento ha ancora l’opportunità di intervenire per approvare in un suo ramo una buona legge che permetta il suicidio assistito a condizioni ben precise, e tutelare così la dignità cui tutti noi abbiamo diritto nel congedo dalla vita. Noi auspichiamo che lo faccia al più presto e con decisione, perché la tutela della dignità e la diminuzione delle sofferenze è valore costituzionalmente garantito e fortemente richiesto dai cittadini. Sarebbe ritardo colpevole non dareRead More