NOTIZIE Category

Posted On Gennaio 22, 2020By RedazioneIn ARTICOLI, COMUNICATI, Home Page, NOTIZIE

Sedazione ed Eutanasia

La decisione di Giovanni Custodero, il giovane ‘guerriero sorridente’, di rendere pubblica la sua dolorosa scelta di ricorrere alla ‘Sedazione Palliativa Profonda Continua’ (SPPC) rappresenta un decisivo contribuito alla conoscenza di una scelta di fine vita, adottabile in determinate condizioni, quando matura il proposito – per usare le sue parole – “di non continuare a far prevalere il dolore fisico e la sofferenza su ciò che la sorte ha in serbo per me” Si tratta di una pratica ancora poco conosciuta, frutto di una graduale evoluzione dell’etica palliativista che, seRead More
La rivista scientifica francese ‘Journal International de Mèdicine’ ha recentemente pubblicato un articolo che riteniamo possa interessare visto che la Francia dispone di una legislazione sul fine-vita simile alla nostra, che non prende in esame l’aspirazione di alcune persone anziane “sazie di vita” di concludere liberamente la propria vita quando ritenuta esistenzialmente compiuta. Qui di seguito la traduzione dell’articolo in questione.   Traffico di Pentobarbital: le associazioni pro-eutanasia divise Parigi, 11 dicembre 2019 In ottobre la gendarmeria ha smantellato la tratta di pentobarbital, un barbiturico acquistato su Internet per suicidarsi.Read More
l’11 dicembre si è svolto nelle aule del Parlamento Europeo di Bruxelles il Convegno Biennale della Associazione Europea “Right to die whith Dignity Europe”, con la presenza di numerose Associazioni europee tra cui LIBERA USCITA, dal titolo: TOWARDS A WORTHY END OF LIFE FOR EVERY EUROPEAN (VERSO UN FINE VITA CON DIGNITA’ PER OGNI EUROPEO). La Conferenza, dedicata all’atleta paraplegica belga Marieke Velvoort , al mattino ha visto le relazioni sui tre casi di accompagnamento di fine vita. Il primo è quello dell’atleta citata, raccontato dalla sua mental coach LieveRead More
Dopo un lungo e frustrante dibattito, la Camera alta dell’Australia Occidentale ha finalmente approvato il disegno di legge sulla morte volontaria assistita con un margine netto di 24 voti favorevoli contro 11. Il disegno di legge torna alla Camera bassa questa settimana per l’approvazione finale, dopodiché lo Stato dell’Australia occidentale si unirà a quello di Victoria nell’approvazione di leggi che consentono alle persone morenti il diritto di scegliere il modo in cui porre fine alla propria vita. La legge avrà un periodo di attuazione di 18 mesi per consentire di predisporreRead More
L’esigenza di garantire la legalità costituzionale deve prevalere su quella di lasciare spazio alla discrezionalità del legislatore. E se la dichiarazione di incostituzionalità rischia di creare vuoti di disciplina che mettono in pericolo diritti fondamentali, la Corte costituzionale deve preoccuparsi di evitarli, ricavando dal sistema vigente i criteri di riempimento, in attesa dell’intervento del Parlamento. È quanto si legge nella sentenza n. 242 depositata oggi (relatore Franco Modugno) con cui la Corte costituzionale – decorso inutilmente il termine di circa un anno dato al Parlamento, con l’ordinanza n. 207/2018 perRead More
Riportiamo di seguito un documento redatto dal Comitato Nazionale per la Bioetica sul tema del suicidio medicalmente assistito, pubblicato il 18 luglio 2019. Abstract: “Il CNB, dando seguito al proprio mandato di incentivare la discussione pubblica su tematiche etiche e di offrire una consulenza alle decisioni politiche, ritiene necessario con questo parere svolgere una riflessione sull’aiuto al suicidio a seguito dell’ordinanza n. 207/2018 della Corte costituzionale, la quale è intervenuta sulla questione, sollevata dalla Corte di Assise di Milano (ordinanza 14 febbraio 2018), in merito al caso di Marco CappatoRead More

Posted On Giugno 28, 2019By RedazioneIn ARTICOLI, COMUNICATI, Home Page, NOTIZIE

Autodeterminazione Vigilata?

A qualche settimana dalla dolorosa scomparsa della giovane olandese Noa Pothoven, inizialmente presentata come un caso di eutanasia e solo in seguito correttamente descritta come un lento suicidio accompagnato dalle cure palliative, l’attenzione sembra focalizzarsi sulla “nozione di autodeterminazione” e sull’”accertamento della sua realtà concreta”. In particolare Gustavo Zagrebelsky, nell’articolo “La morte assistita e la scelta italiana”, comparso su “La Stampa” il 6 giugno, ha espresso la preoccupazione che la richiesta di anticipare la conclusione della propria esistenza possa non essere frutto di una libera determinazione, e che occorra quindiRead More
A breve aprirà il Registro Regionale delle DAT (Disposizioni Anticipate di Trattamento) dell’Emilia-Romagna. Verranno trasmessi al Registro per via Telematica dagli Uffici di Anagrafe e dagli Studi Notarili i nomi delle Persone che hanno steso DAT ed il nome e recapito telefonico del loro Fiduciario, se nomimnato. Cliccare QUI per leggere la comunicazione ricevuta dalla Regione Emilia Romagna.Read More
Libera Uscita esprime il suo pieno appoggio alla Rete multiprofessionale del FVG impegnata dal 2006 nella lotta alla contenzione! La nostra Associazione sostiene che la contenzione non debba mai essere usata, perché degradante, sia per chi la subisce che per chi la attua, e non può essere normata. Ciò che auspichiamo è che le persone malate siano seguite con le cure adeguate, al fine di prevenire il bisogno del ricorso alla contenzione. Come Cicely Sanders affermava che occorresse prevenire l’insorgenza del dolore con dosi di antidolorifici  programmate opportunamente, così siRead More
Con la comunicazione n. 41 della Federazione Nazionale degli ordini dei Medici Chirurghi e degli odontoiatri, il Presidente, rivolgendosi ai presidenti degli ordini provinciali e ai presidenti delle commissioni per gli iscritti all’albo degli Odontoiatri, allega una nota inoltrata al Presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica quale posizione della FNOMCeO. Leggiamo qui testualmente: “Ove il legislatore ritenga di modificare l’art. 580 c.p. e, quindi, di non ritenere più sussistente la punibilità del medico che agevoli “in qualsiasi modo l’esecuzione” del suicidio, restano valide e applicabili le regole deontologiche attualmenteRead More