Due libri recenti, in francese, sulleutanasia, che meritano di essere letti.

L’après-midi sera courte di Nadia Geerts, L’Harmattan, Parigi 2018

e

La mère morte di Blandine de Caunes, Stock, Parigi, 2019.

Le due autrici narrano come hanno gestito gli ultimi tempi di vita delle proprie madri: la prima, Nadia Geerts, in Belgio, in modo trasparente e con minima ansia e sofferenza, perché da ormai 20 anni la legge consente il ricorso all’eutanasia mentre la seconda, Blandine de Caunes, in Francia, in modo drammatico poiché la madre, Benoite Groult, famosissima e celebrata scrittrice femminista e sostenitrice della causa dell’autodeterminazione nel fine vita versa in una situazione insostenibile di malattia di Alzheimer. Alla fine del dramma della malattia, anche qui ci sarà un ricorso ad una via di uscita clandestina, descritta in modo allusivo e con evidente difficoltà. Il romanzo prosegue con la vicenda drammatica –ed è dire poco- della morte della figlia Violette, 36 anni, in un assurdo incidente d’auto. Racconto poignant, incontournable. Da leggere, inevitabilmente, per il momento, in francese . Del famoso romanzo La touche étoile, di Benoite Groult, (Grasset et Fasquelle, Parigi, 2006) si possono trovare alcuni brevi brani tradotti in italiano, a pagina 5 e 6, della prima edizione di Nuovi scenari sul fine vita in Italia, edizioni libera uscita 2018.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Skip to content